Idoneità agonistica e non agonistica post Covid 19: cosa serve sapere

Sport ,

Le indicazioni del dott. Gustavo Savino, Direttore dell’U.O.C. Tutela della salute nelle attività sportive, in merito all’idoneità agonistica e non agonistica dopo che un atleta ha contratto il Covid 19

 

Trasmettiamo le indicazioni pervenute dalla AUSL di Modena nella persona del dott. Gustavo Savino Direttore dell’U.O.C. Tutela della salute nelle attività sportive.

Gli atleti con certificato di idoneità agonistica in corso di validità che abbiano contratto positività al Covid 19 e siano successivamente risultati negativi al tampone o abbiano terminato l’isolamento con documento ufficiale della AUSL, devono dopo 30 giorni dalla negativizzazione o dalla fine isolamento richiedere una rivalutazione clinica e NON una nuova visita di idoneità. 

  • la rivalutazione va richiesta alla Struttura sanitaria o al medico specialista in Medicina dello Sport che ha firmato la certificazione di idoneità agonistica in possesso dell’atleta
  • le modalità di richiesta della rivalutazione per il servizio di Medicina dello Sport della Ausl di Modena sono le seguenti: l’atleta può inviare una mail all’indirizzo m.chiossi@ausl.mo.it o visitasportiva@ausl.mo.it indicando nel testo: i propri dati anagrafici, il recapito telefonico, la data di scadenza del certificato, la data del referto del tampone negativo o della lettera di fine isolamento ricevuta dalla AUSL. 

Dopo la rivalutazione (caratterizzata da esami che variano in base alla sintomatologia riferita dall’atleta durante la positività al Covid 19, ma è tutto descritto nelle linee guida FMS), l’atleta riceverà un documento denominato “Return to play” che riabilita la validità del certificato di idoneità in suo possesso. 
Gli esami per le riabilitazioni sono a pagamento, anche per gli atleti minorenni.

Pert quanto riguarda la certificazione di idoneità non agonistica (libretto dello sportivo) solitamente erogata dal Medico di Medicina Generale o dal Pediatra di Libera Scelta, NON è prevista alcuna certificazione di “Return to play” bensì fa fede il libretto dello sportivo.
Sarà cura e coscienza del genitore del giovane atleta non agonista, o dell’atleta maggiorenne non agonista informare il proprio MMG o PLS della pregressa e risolta positività al Covid 19. 
IL MMG e il PLS non sono tenuti ad erogare alcuna certificazione accessoria al libretto dello Sportivo ma esclusivamente a valutare che il soggetto sia in buone con dizioni di salute per la pratica sportiva non agonistica.
Qualora il MMG o il PLS ravvisassero problematiche derivanti dalla pregressa storia di Covid, che possano compromettere la pratica dell’idoneità non agonistica, potranno revocare la certificazione sul libretto o chiedere una consulenza presso il Servizio dei Medicina dello Sport. 

Per il rientro in campo degli atleti non agonisti da dunque fende il libretto dello sportivo in corso di validità. 

Fonte: Ausl Modena 


CONSULTA I DOCUMENTI UFFICIALI


Scarica qui sotto la modulistica ufficiale da utilizzare per la prenotazione e l’effettuazione della visita medico sportiva agonistica presso gli ambulatori pubblici di Medicina dello Sport dell’AUSL di Modena.
Nel dettaglio:
1) modulo n. 29, richiesta di visita per gli sport di cui alla tabella “A”, a basso impegno cardiovascolare  (tiro con l’arco, golf, bowling, bocce, etc);
2) modulo n. 30, richiesta di visita per gli sport di cui alla tabella “B”, ad elevato impegno cardiovascolare (calcio, pallacanestro, pallavolo, atletica leggera, etc);
3) modulo anamnesi, da compilare e firmare da parte dei genitori, in caso di atleta minorenne;
4) modulo esame urine (revisione del 20/01/2021), da timbrare e firmare da parte della società sportiva, per la successiva consegna da parte dell’interessato del campione urine al centro prelievi;
5) modulo delega di presenza, da utilizzare nel caso di impossibilità dei genitori ad accompagnare a visita il figlio minorenne.


GUARDA IL VIDEO DELL’INCONTRO ONLINE CON IL DOTT. SAVINO

Il video dell’incontro online sul tema Visite medico sportive e norme per la rivalutazione post COVID 19, che si è tenuto il 29 gennaio 2021: abbiamo incontrato il dott. Gustavo Savino, direttore della Medicina dello sport di Modena, anche direttore del Centro Regionale Antidoping

CSI Modena

Leggi anche: