Carcere e reclusione: un corso di formazione per i volontari

Formazione ,
Inclusione sociale /

Lunedì 28 settembre corso di formazione gratuito aperto a tutti i volontari delle associazioni che svolgono il proprio servizio a favore di persone recluse presso la sezione protetti degli istituti penitenziari di Modena e della Regione Emilia-Romagna

Dal nostro staff della formazione un altro corso, questa volta in area sociale, rivolto a tutti i volontari delle associazioni che svolgono il proprio servizio a favore di persone recluse presso la sezione protetti degli istituti penitenziari di Modena e della Regione Emilia-Romagna.

Il corso si intitola “Come approcciarsi all’abusante evitando la collusione“; si terrà lunedì 28 settembre 2020 dalle ore 18.20 alle ore 20.30 su piattaforma Meet.

Obiettivo del corso

Fornire strumenti in funzione della relazione d’aiuto e della comunicazione efficace nei confronti di persone che hanno un percorso detentivo di sex offenders.

Relatori

  • Silvia Merli – psicologa, mediatrice CIPM EMILIA* – Centro per la promozione della mediazione
  • Elena Di Blasio – psicologa, psicoterapeuta CIPM EMILIA* – Centro per la promozione della mediazione

Programma

I PARTE

  • Excursus sulle varie forme di violenza e finestra di approfondimento sul tema “la violenza sulle donne”
  • Presentazione dei tratti e delle caratteristiche principali comuni agli abusanti sessuali
  • Strategie dell’operatore per una comunicazione efficace
  • Breve presentazione dell’iter trattamentale 

II PARTE

  • Domande dei partecipanti 

Iscrizioni entro il 25 settembre alla mail volontariato@csimodena.it 

*Il CIPM Emilia in questi anni ha condotto numerose attività e progetti sul territorio piacentino occupandosi nello specifico di: attività di formazione, percorsi formativi sulla gestione del conflitto e su tematiche di rilevanza sociale quali la violenza su donne e minori, gestione dell’aggressività, percorsi educativi per la fascia adolescenziale, percorsi formativi per insegnanti  riguardanti la violenza intrafamiliare, formazioni su sessualità e violenza, percorsi formativi per allenatori e istruttori sportivi riguardanti la violenza su donne e minori, prevenzione e sensibilizzazione, attività convegnistiche territoriali, incontri di sensibilizzazione nelle scuole, percorsi informativi per anziani vittime di reato, trattamento, gruppi trattamentali per autori di reato e comportamenti e condotte aggressive, gruppi trattamentali per sex offenders, colloqui individuali con autori di reato, valutazione psicodiagnostica.

Giulia Vellani

Leggi anche: