Il 21, 22 e 23 maggio la seconda edizione del Festival della Giustizia Penale

Sociale ,

Il tema di quest’anno sarà ‘Vittime di ieri e vittime di oggi’ e, in particolare, il Csi Modena ha patrocinato l’evento di sabato 22 maggio sul tema: ‘Il diritto alla salute dei detenuti al tempo della pandemia’

Segui la diretta on line sul sito o sulla pagina Facebook del Festival:

Il Festival della Giustizia Penale si propone, anche quest’anno, d’avvicinare un vasto pubblico a temi complessi, utilizzando registri comunicativi e organizzativi non convenzionali, che raccontino storie di vita, traducendo i linguaggi propri di giuristi e professionisti del diritto.

Sono coinvolti giuristi, intellettuali e artisti in grado di offrire punti di vista ragionati sulla giustizia penale a un pubblico che includa anche gli studenti universitari e delle scuole medie superiori.
Il fitto programma, costruito intorno al tema delle vittime di reato vedrà la partecipazione di importanti studiosi del diritto, tra cui professori universitari (moltissimi anche stranieri), giudici costituzionali, vertici della magistratura e della avvocatura, oltre ad esponenti politici, opinionisti, scienziati, giornalisti e, soprattutto, coraggiose vittime che hanno deciso di condividere le loro dolorose esperienze. Si affronterà anche il tema delle prospettive future della giustizia penale in Italia e all’estero.

Il Csi Modena ha patrocinato l’evento di sabato 22 maggio dalle ore 15.30 alle 17.00 sul tema: ‘Il diritto alla salute dei detenuti ai tempi della pandemia’.

L’evento vede la partecipazione degli Avvocati Emilia Rossi, componente dell’Ufficio del Garante Nazionale dei Diritti delle persone private della libertà personale, e Vinicio Nardo, Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Milano, oltre al Prof. Sergio Babudieri, Direttore Scientifico della Società Italiana di Medicina e Sanità Penitenziaria. Abbiamo ritenuto importante patrocinare l’iniziativa per evidenziare quanto lo sport sia fondamentale per la salute e il benessere psico-fisico delle persone recluse oltre che per l’aspetto sociale e rieducativo.

Elena Prandini

Leggi anche: