Dire grazie fa bene!

Sport ,
Benessere /

Anna sta per diventare mamma e durante il lockdown ha frequentato a distanza il corso “Mamme in movimento” organizzato da Alessia Baldini, dello staff Piscine Pergolesi: pubblichiamo la sua riflessione e il suo ringraziamento a pochi giorni dal parto ….

Foto: Pixabay

Ci sono cose che meritano di essere raccontate. Perchè dire grazie “fa bene”! E sentirselo dire, è ancora più emozionante!

Per questo motivo abbiamo deciso di pubblicare, per intero, la lettera scritta da Anna.
Anna ha frequentato il corso per gestanti di Alessia Baldini, chinesiologa, assistente alla madre Doula, expert instructor del metodo hypopressivo, peer – conseleur, dello staff Piscine Pergolesi, l’impianto natatorio sotto la gestione CSI Modena.
Alessia, durante il difficile periodo di lockdown, per non lasciare sole le sue mamme ha letteralmente “messo in piedi in quattro e quattr’otto” un corso on line attraverso il gruppo facebook “Mamme in movimento“, per fornire loro sostegno durante questa fase importante della loro vita, la dolce attesa, resa di certo un pò “meno dolce” dall’emergenza sanitaria, ma che Alessia ha saputo di certo “curare” con coccole ed esercizi a distanza.


Leggi qui l’articolo “Mamme e Covid 19: dolce attesa ma non troppo”


Ecco il testo integrale della lettera di ringraziamento, rivolta ad Alessia.

“Cara Alessia, nel libro di cui ti parlavo ieri “I miei quattro trimestri”, scritto dalle blogger del Parto Positivo (da consigliare a tutte le donne in gravidanza ad ogni epoca gestazionale perchè propone “esercizi di positività” di settimana in settimana!) propongono di fare degli “esercizi di gratitudine”, poiché, da uno studio americano, è stato dimostrato che “allenare” la gratitudine per 10 settimane basta a rendere più ottimisti!
Il primo esercizio di gratitudine è scrivere un biglietto di ringraziamento.


E’ per questo che ti scrivo questa mail.

Grazie per la serenità e la positività che infondi nelle tue lezioni, soprattutto quest’anno, le tue lezioni online erano una “luce” nella grigia monotonia della settimana in quarantena. E questo è continuato anche nelle lezioni in presenza, se non di più, sono sempre state un momento che dedicavo solo per me e per il mio bambino, una “coccola”, un’iniezione di positività e fiducia in me stessa.
Grazie per la cura che hai verso le donne in gravidanza, soprattutto per chi è alla prima gravidanza, che arriva momento tanto desiderato sempre più spesso in ansia, con false aspettative e falsi miti, in età sempre più avanzata, lavorando fino all’ultima settimana e quasi sempre con scarsa esperienza di neonati, gestione dei neonati o anche solo amiche/sorelle/cugine in gravidanza; come invece capitava sempre nelle famiglie allargate 50/60 anni fa. 

In questo senso hai un ruolo “sociale” importante: infondere serenità e fiducia nella capacità della donna, nel corpo della donna stessa, sfatare i “falsi miti” e tutto il “folklore” che gira intorno alla gravidanza e il parto, di cui si parla solo in termini di dolore, medicalizzazione e momento da dimenticare o non parlare o, se se ne parla, sempre in modo catastrofico o negativo.


Grazie per la competenza che metti nelle tue lezioni, per i preziosi consigli, mai scontati anche per una seconda gravidanza e, sempre supportati da evidenze scientifiche, fondamentale al giorno d’oggi, per non perdersi nelle “fake news”!


Grazie per la passione che metti nel tuo lavoro, traspare sempre, mantieni sempre il sorriso e la gentilezza, continua a fare quello che ti piace fare!
Grazie ancora per tutto, è partita qualche “onda” da ieri, chissà che Samuele non voglia uscire prima e farmi un regalo di compleanno!

A presto, Anna

p.s. Alessia le ha risposto così:
“Anna , grazie di cuore sono commossa. Grazie grazie.
Abbandonati alle onde e abbraccia la vita !”

Giulia Vellani

Leggi anche: